Топ-100
Indietro

ⓘ Giovanni Roberti di Castelvero. Giovanni Francesco Roberti di Castelvero è stato un generale e aviatore italiano, pioniere dellAviazione Navale negli anni dieci ..




                                     

ⓘ Giovanni Roberti di Castelvero

Giovanni Francesco Roberti di Castelvero è stato un generale e aviatore italiano, pioniere dellAviazione Navale negli anni dieci del XX secolo, decorato di cinque Medaglie dargento al valor militare, e della Croce di Cavaliere dellOrdine militare di Savoia nel corso della prima guerra mondiale.

                                     

1. Biografia

Nacque a Torino il 18 maggio 1883. Arruolatosi nella Regia Marina, nel 1900 fu ammesso a frequentare lRegia Accademia Navale di Livorno divenendo guardiamarina nel 1903. Prestò servizio a bordo di varie unità navali fu promosso sottotenente di vascello, ed appassionatosi al mondo dellaviazione conseguì il brevetto di pilota ad Aviano il 30 giugno 1911. volando a bordo di un velivolo Blériot XI. In quello stesso anno prese parte ad alcuni raid sportivi, ed al "Primo circuito aereo italiano". Dopo lo scoppio della guerra italo-turca fu mandato in Libia, dove svolse attività di volo eseguendo missioni di ricognizione e bombardamento contro le forze turche e libiche, venendo decorato di Medaglia dargento al valor militare e promosso tenente di vascello nel 1912. Poco prima del termine del conflitto rientrò in Patria, e per decisione del Vice ispettore dei Servizi Aeronautici Ludovico De Filippi destinato a seguire in corso di pilotaggio presso la scuola di Jean les Pins, in Francia, insieme a Manlio Ginocchio, Guido Scelsi, Giuseppe Garassini Garbarino, e lo stesso De Filippi. Inoltre furono acquistati tre idrovolanti Curtiss e due Borel destinati alla Scuola di aviazione della Marina di Venezia costituita nellaprile 1913. Nel corso del 1914 eseguì numerose esercitazioni insieme alla Squadra navale.

Dopo lentrata in guerra del Regno dItalia, avvenuta il 24 maggio 1915, dallidroscalo di Venezia iniziò subito le operazioni belliche contro il nemico in qualità di caposquadriglia. Si distinse nel corso delle operazioni belliche, venendo decorato con altre due Medaglie dargento al valor militare e con la Croce al merito di guerra nel 1916. Il 1 aprile 1916, insieme allosservatore sottotenente di vascello Lionello Caffaratti su Macchi L.1 della nave portaidrovolanti Europa, ammarò con il suo idrovolante davanti a Punta Samana, vicino a Fier, e insieme ad altri tre ufficiali i Capitani Leopoldo De Rada e Fausto Pesci e due motoristi della 13ª Squadriglia da ricognizione e combattimento sbarcò incendiando baracche e depositi, e volgendo in fuga alcuni soldati austroungarici.

Promosso capitano di corvetta per merito di guerra nel 1918, lanno successivo fu insignito della Croce di Cavaliere dellOrdine militare di Savoia. Nel 1921 fu collocato in aspettativa per infermità, e nel 1922 per riduzione dei quadri in servizio. Con la costituzione della Regia Aeronautica, il 23 marzo 1923, nel settembre di quellanno fu richiamato in servizio attivo, e trasferito alla nuova arma venendo cancellato dai ruoli della Marina il 24 gennaio 1924. Raggiunse il grado di generale di brigata aerea. Si spense a Sanremo il 26 febbraio 1958.

Sposò la nobile Emilia dei baroni Chantal, senza prole. Gli è stato dedicato un monumento nellodierna Castel Boglione, feudo dei suoi avi.