Топ-100
Indietro

ⓘ Ducato di Aosta. Il Ducato di Aosta nacque nel 1536 sotto la dinastia dei Savoia e venne governato dal Conseil des Commis. Adottò il francese come lingua uffici ..




                                     

ⓘ Ducato di Aosta

Il Ducato di Aosta nacque nel 1536 sotto la dinastia dei Savoia e venne governato dal Conseil des Commis.

Adottò il francese come lingua ufficiale tre anni prima della Francia che lo sostituì al latino solo nel 1539.

Lo staterello perse progressivamente la propria indipendenza a seguito della fusione perfetta del 1847, con lincorporazione nel Regno di Sardegna.

Il suo territorio comprendeva lattuale regione autonoma Valle dAosta.

Nel 1537, in seguito allinvasione da parte di Francesco di Francia dei territori di Casa Savoia tranne che della Valle dAosta, venne firmato un trattato di neutralità tra la Valle dAosta e Francesco di Francia.

Il Ducato rimase sempre sotto lautorità sovrana dei Savoia che ottennero la corona del Regno di Sicilia e il conseguente titolo regio nel 1713. I Savoia mantennero la sovranità sulla Sicilia fino al 1720 quando, a causa delle pressioni internazionali, dovettero accettare lo scambio col Regno di Sardegna.

                                     

1. Lingua

Il Conseil des Commis adottò il francese come lingua ufficiale, prima amministrazione al mondo. Tre anni prima della Francia che lo sostituì al latino solo nel 1539 mediante l Ordonnance de Villers-Cotterêts, promulgata dal re Francesco I.

                                     

2. Storia

Il Ducato di Aosta è considerato un unicum nella storia degli Stati Sabaudi.

Nel Ducato di Aosta il balivo ebbe la funzione di convocare e presiedere le riunioni dellAssemblea degli Stati Generali e del Consiglio dei Commessi, tuttavia nel XVI secolo, il ruolo del balivo perse di importanza poiché le stesse funzioni vennero amministrate da un governatore e luogotenente del duca di Savoia che finì per ottenere il titolo di grand bailli, tra questi ebbe un ruolo di primo piano René de Challant.

Il Consiglio si organizzò militarmente e poté contare su un esercito di 4.000 uomini comandati da 3 colonnelli. Fece inoltre fortificare alcune postazioni difensive.