Топ-100
Indietro

ⓘ Jean-Baptiste-Joseph Gobel. L8 novembre 1792 Gobel fu nominato amministratore di Parigi. La sua dimostrazione pubblica di anticlericismo era molto probabilmente ..




Jean-Baptiste-Joseph Gobel
                                     

ⓘ Jean-Baptiste-Joseph Gobel

L8 novembre 1792 Gobel fu nominato amministratore di Parigi. La sua dimostrazione pubblica di anticlericismo era molto probabilmente una tattica attenta per garantirsi la simpatia dei politici: tra le altre cose, si dichiarò contrario al celibato ecclesiastico. Il 17 brumaio nellanno II 7 novembre 1793, si presentò davanti alla Convenzione nazionale per le sue attività di commissario civile a Porrentruy e, in una scena famosa, si dimise dalle sue funzioni episcopali, proclamando che egli lo faceva per amore delle persone e per il rispetto dei loro desideri. La notte precedente, una delegazione della Comune guidata da Jacques-René Hébert, Pierre-Gaspard Chaumette e Anacharsis Cloots gli aveva chiesto che rinunciasse pubblicamente alla sua fede altrimenti sarebbe stato messo a morte dal popolo.

I seguaci di Hébert, che stavano perseguendo la loro politica anticristiana, rivendicarono Gobel come loro rappresentante. Allo stesso tempo, il rivale di Hébert, Maximilien de Robespierre, considerava Gobel un ateo, sebbene non fosse accusato di apostasia e non professasse pubblicamente il suo ateismo.

La visione di Robespierre di un culto deista dellEssere supremo venne minacciata dallopposizione degli atei guidati da Hébert che preferivano il culto della Dea Ragione. Gobel condivise il destino di questi ultimi. Incarcerato, fu dichiarato colpevole del cosiddetto "piano carcerario lussemburghese" insieme a Pierre-Gaspard Chaumette; Lucile Duplessis, moglie di Camille Desmoulins; Marie Marguerite Françoise Hébert, moglie di Jacques-René Hébert; e un assortimento di altri prigionieri di vario tipo.

François-Joseph Lothringer, il suo ex vicario episcopale, in una sua lettera pubblicata poi su Les Annales Catholiques nel volume III, Parigi 1797, scrisse:

Gobel, che non poteva essere avvicinato alla Conciergerie da nessun ministro del culto, mandò tramite una mano sconosciuta una confessione scritta di suo pugno. In essa si legge:

Gli Annales sottolineano che firmandosi: "vescovo di Lidda" e non "arcivescovo di Parigi", riconobbe di non avere diritto a questultimo titolo e chiedeva di essere sollevato dalla sua scomunica, riconoscendo lautorità del papa contro la quale si era scagliato.

Tutti i presunti cospiratori furono condannati a morte la mattina del 13 aprile e ghigliottinati quello stesso pomeriggio.

                                     

1. Genealogia episcopale

  • Vescovo Georg Joseph Wilhelm Aloys Rinck von Baldenstein
  • Cardinale Scipione Rebiba
  • Cardinale Giulio Antonio Santori
  • Cardinale Luigi Caetani
  • Cardinale Girolamo Bernerio, O.P.
  • Arcivescovo Galeazzo Sanvitale
  • Arcivescovo Melchior de Polignac
  • Cardinale Ludovico Ludovisi
  • Arcivescovo Antoine-Pierre de Grammont
  • Papa Benedetto XIII
  • Vescovo Joseph-Nicolas de Montenach
  • Cardinale Ulderico Carpegna
  • Cardinale Paluzzo Paluzzi Altieri degli Albertoni
  • Vescovo Jean-Baptiste-Joseph Gobel
                                     

1.1. Genealogia episcopale Successione apostolica

  • Vescovo costituzionale Louis Charrier de La Roche 1791
  • Vescovo costituzionale Jean-Pierre Saurine 1791
  • Vescovo costituzionale René Lecesve 1791
  • Vescovo costituzionale Antoine Adrien Lamourette, C.M. 1791
  • Vescovo Jean Jacques Johann Jakob Lantz 1786
  • Vescovo costituzionale René Héraudin 1791
  • Vescovo costituzionale Jean-Guillaume Molinier 1791
  • Vescovo costituzionale François-Antoine Brendel 1791
  • Vescovo costituzionale Philippe Charles François Seguin 1791
  • Vescovo costituzionale Noel-Gabriel-Luce de Villar 1791
  • Vescovo costituzionale Augustin Sibille 1791
  • Vescovo costituzionale Charles Benoît Roux 1791
  • Vescovo costituzionale Barthélémy-Jean-Baptiste Sanadon 1791
  • Vescovo costituzionale Jean-Baptiste Flavigny 1791
  • Vescovo costituzionale Charles Le Masle 1791
  • Vescovo costituzionale Luc-François Lalande, C.O. 1791
  • Vescovo costituzionale Jean-Joseph Rigouard 1791
  • Vescovo costituzionale François-Xavier Laurent 1791
  • Vescovo costituzionale Jean-Baptiste Volfius 1791
  • Vescovo costituzionale Guillaume Tollet 1791
  • Vescovo costituzionale Jean-Baptiste Dumouchel 1791
  • Vescovo costituzionale Ignace de Cazeneuve 1791
  • Vescovo Berndard-Emmanuel François-Pierre de Lenzbourg, O. Cist. 1783
  • Vescovo costituzionale Jean Julien Avoine 1791
  • Vescovo costituzionale Claude Debertier 1791
  • Vescovo costituzionale Jean-Marie Jacob 1791
  • Vescovo costituzionale Nicolas Diot 1791
  • Vescovo Friedrich Ludwig Franz von Wangen zu Geroldseck 1776
  • Vescovo costituzionale Arbogast Martin 1791
  • Vescovo costituzionale Pierre Matthieu Joubert 1791
  • Vescovo costituzionale Jacques-Guillaume-René-François Prudhomme de la Boussinière des Vallées 1791
  • Vescovo costituzionale Robert Thomas Lindet 1791
  • Vescovo costituzionale Jacques-André-Simon Le Fessier 1791
  • Vescovo costituzionale Éléonore-Marie Desbois de Rochefort 1791
  • Vescovo costituzionale Charles Bonnet 1791
  • Vescovo costituzionale Pierre Thuin 1791
  • Vescovo costituzionale Étienne Nogaret 1791
  • Vescovo costituzionale Hugues Pelletier 1791
  • Vescovo costituzionale Dominique Pouderoux 1791
  • Vescovo costituzionale Pierre-Anastase Torné 1791
  • Vescovo costituzionale François-Ambroise Rodrigue 1791
  • Vescovo costituzionale François Marbos 1791
  • Vescovo costituzionale Gabriel Deville 1791
  • Vescovo costituzionale Claude Fauchet 1791
  • Vescovo costituzionale Nicolas Francin 1791
  • Vescovo costituzionale Jean-Baptiste Massieu 1791
  • Vescovo costituzionale Henri Grégoire 1791
  • Vescovo costituzionale Jean-François Périer 1791
  • Vescovo costituzionale Julien Minée 1791
  • Vescovo costituzionale Antoine Pascal Hyacinthe Sermet 1791