Топ-100
Indietro

ⓘ Ignatius Ayau Kaigama. Il 3 febbraio 1995 papa Giovanni Paolo II lo ha nominato primo vescovo della nuova diocesi di Jalingo. Ha ricevuto lordinazione episcopal ..




Ignatius Ayau Kaigama
                                     

ⓘ Ignatius Ayau Kaigama

Il 3 febbraio 1995 papa Giovanni Paolo II lo ha nominato primo vescovo della nuova diocesi di Jalingo. Ha ricevuto lordinazione episcopale il 23 aprile successivo dal vescovo di Yola Patrick Francis Sheehan, co-consacranti il vescovo di Orlu Gregory Obinna Ochiagha e quello di Makurdi Athanasius Atule Usuh.

Il 14 aprile 2000 lo stesso papa Giovanni Paolo II lo ha nominato arcivescovo metropolita di Jos.

È stato presidente del Comitato interreligioso per la pace dello stato federale di Pletau. Insieme al defunto emiro di Wase, Alhaji Haruna Abdullahi, è stato coinvolto nella promozione della comprensione reciproca tra cristiani e musulmani.

Dopo le rivolte di Jos del gennaio 2010, ha calmato la situazione e chiarito il conflitto sulla stampa internazionale.

Il 25 luglio 2012 papa Benedetto XVI lo ha nominato membro del Pontificio consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione.

Nel 2014 la Conferenza dei vescovi cattolici della Nigeria ha sostenuto la legislazione che rendeva la partecipazione a un matrimonio omosessuale un crimine punibile con la reclusione di 14 anni. Ha definito la mossa come un "atto coraggioso" e un "passo nella giusta direzione". Kaigama ha sostenuto che lazione era "in linea con i valori etici e morali delle culture nigeriane e africane" e ha benedetto il presidente Goodluck Jonathan per non essersi piegato alla pressione internazionale: "Per proteggere te e la tua amministrazione dalla cospirazione del mondo sviluppato che vuole rendere il nostro paese e il nostro continente una discarica per la promozione di pratiche immorali".

Kaigama ha condannato i programmi di aiuti esteri che pongono unenfasi sproporzionata sulla contraccezione. Nel 2014, ha dichiarato: "In primo luogo, i bambini muoiono a causa della mortalità infantile, per le guerre inter-tribali e per le malattie, ma tuttavia vengono a dirci: diminuisci la tua popolazione e ti daremo un aiuto economico. Vogliamo cibo, vogliamo educazione, vogliamo buone strade, assistenza sanitaria. Ci vengono date le cose sbagliate e ci viene chiesto di accettare, semplicemente perché siamo poveri".

Nel febbraio del 2009 e nellaprile del 2018 ha compiuto la visita ad limina.

Dallaprile 2012 al 22 febbraio 2018 è stato presidente della Conferenza dei vescovi cattolici della Nigeria.

Dal febbraio del 2016 è presidente della Conferenza episcopale regionale dellAfrica occidentale.

L11 marzo 2019 papa Francesco lo ha nominato arcivescovo coadiutore di Abuja. Il 9 novembre 2019 è succeduto alla medesima sede.

                                     

1. Genealogia episcopale

  • Papa Benedetto XIII
  • Arcivescovo Amelio Poggi
  • Cardinale Girolamo Bernerio, O.P.
  • Cardinale Giulio Antonio Santori
  • Cardinale Marcantonio Colonna
  • Cardinale Giacinto Sigismondo Gerdil, B.
  • Cardinale Paluzzo Paluzzi Altieri degli Albertoni
  • Cardinale Eugène Tisserant
  • Cardinale Scipione Rebiba
  • Cardinale Lucido Maria Parocchi
  • Cardinale Carlo Odescalchi, S.I.
  • Papa Benedetto XV
  • Cardinale Giulio Maria della Somaglia
  • Papa Pio X
  • Vescovo Patrick Francis Sheehan, O.S.A.
  • Papa Pio XII
  • Papa Clemente XIII
  • Cardinale Luigi Caetani
  • Papa Paolo VI
  • Cardinale Ludovico Ludovisi
  • Arcivescovo Ignatius Ayau Kaigama
  • Cardinale Costantino Patrizi Naro
  • Papa Benedetto XIV
  • Arcivescovo Galeazzo Sanvitale
  • Cardinale Ulderico Carpegna

Successione apostolica

  • Vescovo Charles Michael Hammawa 2008
  • Vescovo Oliver Dashe Doeme 2009
  • Vescovo Philip Davou Dung 2017
  • Vescovo Hilary Nanman Dachelem, C.M.F. 2017