Топ-100
Indietro

ⓘ Cosa dirà la gente. Nisha è una sedicenne pachistana che vive in Norvegia con la famiglia estremamente tradizionalista. Mentre in casa si comporta seguendo il v ..




Cosa dirà la gente
                                     

ⓘ Cosa dirà la gente

Nisha è una sedicenne pachistana che vive in Norvegia con la famiglia estremamente tradizionalista. Mentre in casa si comporta seguendo il volere le aspettative dei genitori, in realtà conduce allesterno una vita da normale ragazza norvegese a loro insaputa, frequentando anche un ragazzo. Una notte viene sorpresa in camera sua con questultimo dal padre, che lo aggredisce furibondo tanto da richiedere lintervento dei servizi sociali. Luomo chiede che i due ragazzi si sposino e reagisce con rabbia quando Nisha lo informa che si sono lasciati, ritenendo che questo atto ha portato disonore e vergogna alla famiglia dinanzi ai loro concittadini pachistani, nonostante la ragazza affermi che non abbia perso con lui la verginità.

Un giorno Nisha viene quindi rapita con uno stratagemma dal padre e dal fratello maggiore con la complicità della madre, i quali la sottraggono ai servizi sociali a cui era stata affidata e, dopo averle buttato il cellulare e fermato ogni tentativo di fuga, la portano in Pakistan per affidarla agli zii in modo che la educhino a "stare al suo posto". La ragazza, andando al mercato con la zia, tenta di mettersi in contatto con unamica tramite un computer pubblico per chiedere aiuto, ma viene scoperta e rinchiusa in casa, poi i parenti le bruciano il passaporto per impedirle qualsiasi rientro in patria.

Nisha cerca di assecondare la volontà della famiglia adattandosi alle loro conformità e obbedendo alle regole imposte; dopo qualche tempo intreccia una relazione segreta con il cugino. Una notte escono di casa per baciarsi in strada, ma vengono sorpresi da dei poliziotti che li picchiano e umiliano, costringendoli a spogliarsi e scattando loro delle foto per poi ricattare la famiglia per dei soldi in cambio del silenzio per laccaduto. La colpa dellaccaduto viene fatta nuovamente ricadere su Nisha, additata per aver "sedotto" il cugino e spingendolo a quel gesto, pertanto la famiglia richiama il padre affinché la riporti a casa.

Tornata in Norvegia, Nisha è costretta a una vita di reclusione da parte dei genitori che le cambiano scuola e tengono segregata in casa; arriva a essere costretta a ritirare la richiesta di aiuto inviata dal Pakistan e rintracciata dai servizi sociali, affermando fosse un gesto dettato dalla rabbia.

Successivamente, la ragazza viene a sapere che i genitori stanno per darla in sposa a un medico del Canada figlio di loro vicini; pertanto dovrà interrompere gli studi e qualsiasi lavoro futuro per fare da moglie e madre dei suoi futuri figli. Quella notte, la ragazza decide di ribellarsi alla situazione e scappa di casa assistita di nascosto dalla sorella minore e il padre che, tuttavia, tacciono entrambi permettendole di fuggire.